Stazioni fisse AQM

Le azioni di monitoraggio della qualità dell’aria nell'ambito di AriaSaNa sono effettuate in base alla Direttiva dell’Unione Europea 2008/50/EC, che permette l’utilizzo di stazioni per il monitoraggio della qualità dell’aria compatte e a basso costo, utilizzate per fornire un monitoraggio indicativo.

Le stazioni di monitoraggio AQM60 oggi disponibili presso il CNR-ISAFOM sono in grado di caratterizzare la qualità dell'aria di un sito urbano o sub-urbano. Le stazioni ci consentono di monitorare le specie chimiche presenti in atmosfera e sono utilizzate come indicatori dello stato della nostra aria. L'AQM60 garantisce misure affidabili considerate near-reference e in corso di riconoscimento presso la Comunità Europea. La struttura modulare e la temperatura controllata garantiscono una gestione e stabilità dei risultati per tutta la durata delle campagne di monitoraggio atmosferico del CNR-ISAFoM.

   

Applicazioni

  • Monitoraggio urbano
  • Aree di interesse industriale
  • Aeroporti, porti navali, stazioni ferroviarie
  • Studi epidemiologici
  • arterie stradali e autostradali
  • VIA: Valutazione di Impatto Ambientale

La rete di stazioni di monitoraggio fisse è costituita da 4 stazioni Aeroqual AQM60, distribuite in punti differenti della città considerati “critici”. La rete è dotata di un sistema real-time di invio dei dati e consentirà di ottenere informazioni ad alta risoluzione sia spaziale che temporale.

Le stazioni, alloggiate in contenitori stagni climatizzati, sono dotati di sensori meteorologici di temperatura, umidità dell’aria, direzione e velocità del vento, e di trasmettitori per la misura di CO, NO2, O3, VOC e PM10. Il sistema viene definito modulare perché può subire in qualsiasi momento integrazioni o sostituzioni della sua configurazione di base, con l’aggiunta e rimozione di vari sensori, a seconda delle esigenze di lavoro.

Le 4 stazioni near reference AQM60 sono arrivate ad inizio settembre dalla Nuova Zelanda, il tecnico specializzato della Aeroqual ha provveduto ad effettuare un corso della durata di tre giorni, istruendo il personale sul funzionamento delle centraline e sulle operazioni di manutenzione  e calibrazione delle stesse.