Trasporto su larga scala

Nell'ambito del progetto AriaSaNa sono stati implementati diversi modelli Lagrangiani quali HYSPLIT, FlexPART e SPRAY, allo scopo di interpretare i dati sperimentali, ed individuare gli episodi di trasporto di polveri provenienti dalle regioni desertiche.

I modelli Lagrangiani utilizzati ci consentono di seguire all'indietro i moti della masse d'aria individuando le aree emissive che hanno un maggior impatto sulla qualità dell'aria nel super sito di S. Marcellino.

Nelle seguenti mappe è riportata su una scala a colori il tempo di residenza calcolato attraverso il modello FlexPART da una nube di particelle rilasciate continuamente durante il giorno in esame dal sito in esame e seguite all'indietro per i cinque giorni precedenti.

Sulle mappe sono riportate anche le traiettorie Lagrangiane (linee continue in blu) calcolate dal modello HYSPLIT, rilasciate ogni ora durante il giorno in esame e seguite all'indietro per i cinque giorni precedenti.

Previsione per oggi

Previsione per domani

Previsione per dopodomani

Previsione al terzo giorno

 

HYSPLIT (HYbrid Single Particle Lagrangian Integrated Trajectory) è un sistema completo per il calcolo di semplici traiettorie per simulazioni di dispersione e deposizione. Lo sviluppo iniziale del sistema è stato il risultato di uno sforzo congiunto tra il NOAA (National Oceanographic and Atmospheric Administration) e l'Australia's Bureau of Meteorology.

FLEXPART era stato in origine progettato per la dispersione a lungo raggio degli inquinanti atmosferici a mesoscala da fonti puntuali, come ad esempio una centrale nucleare, ma si è ormai evoluto in un vero e proprio community model per la modellazione dei fenomeni di trasporto atmosferico, utilizzato da oltre 30 gruppi provenienti da paesi diversi sia per applicazioni operative sia di ricerca.

SPRAY è un modello di dispersione di particelle lagrangiano tridimensionale sviluppata da Arianet Srl in collaborazione con Aria Technologies SA. Questo codice riproduce il trasporto, la dispersione, la deposizione secca e umida e il decadimento radioattivo di specie chimicamente inerti rilasciati in condizioni meteorologiche complesse (bassa velocità del vento, flusso su topografia complessa), spesso segnata da disomogeneità spaziali e temporali delle variabili meteo-diffusive (ad esempio, verticale wind-shear, brezza a causa della presenza di discontinuità del terreno).